Saluto delle autorità

Elio De Anna

Assessore alla Cultura – Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 

Una manifestazione che raggiunge i 21 anni (un tempo porta della maggiore età) deve per forza avere in sé forza e caratteristiche tali da essere apprezzata dal pubblico che annualmente la segue. È il caso di “Pordenone Blues Festival”, che l’Associazione Culturale Pordenone Giovani promuove assieme al Comune di Pordenone dal 1991, trovando collocazione temporale stabile all’interno di “Estate in Città”, anzi contribuendo a dare spessore e qualità a questo “contenitore” cittadino. Se “Pordenone Blues Festival” non avesse avuto tutte le carte in regola, ovvero se non avesse saputo proporre appuntamenti musicali di un certo peso non sarebbe di certo giunta al livello attuale; non solo: ma nel corso del tempo ha saputo anche innovarsi coniugando la musica con altre espressioni artistiche e anche con la cultura eno-gastronomica del territorio arricchendo ulteriormente la proposta. Per tutti questi motivi il festival è costantemente cresciuto e ha trovato nelle istituzioni pubbliche (fra cui la Regione) e in diversi privati i partner necessari per continuare un cammino che auguro ancora lungo e pieno di successi.

Alessandro Ciriani

Presidente della Provincia di Pordenone

Pordenone Blues Festival fa parte di un circuito di rassegne che promuovono il capoluogo sotto diversi punti di vista. Oltre a contribuire ad animare la città nel periodo estivo, la manifestazione è un’occasione per mantenere in vita le attività commerciali e i servizi. Oggi come oggi, in tempi di spending review, non è più pensabile organizzare grandi eventi che non portano nulla al territorio. Bisogna invece concentrarsi nella progettazione di attività che attraggano centinaia di persone a consumare nei nostri ristoranti, a dormire nei nostri alberghi, a fruire dei nostri servizi. Il connubio di musica, intrattenimento, cultura ed eno-gastronomia sul quale si basa questo evento arricchisce l’offerta di una promozione che la Provincia ha cercato di estendere in modo capillare sul territorio, dalla montagna alla pianura, dal capoluogo al piccolo comune. Pordenone non sarà Roma o Firenze ma è certo un luogo nel quale, ancor oggi, è piacevole stare per qualità della vita, fermento culturale e ricchezza di offerte. Pordenone, ma anche la sua provincia, sono oggi capitale della musica. Mi auguro che, anche grazie a questi grandi eventi, possano inaugurare quella rinascita economico-produttiva che l’Italia si tanto merita.

Claudio Cattaruzza

Ass. alla Cultura Comune di Pordenone

Blues deriva dall’espressione “to have the blue devils” che ha un significato strettamente legato all’essere triste. Pur non tradendo il rispetto per questa musica e per i suoi significati più tradizionali, Pordenone Blues Festival si presenta, invece, come un evento gioioso e coinvolgente che riesce costantemente a rinnovare le proprie proposte suscitando di anno in anno crescente curiosità e partecipazione. Il programma articolato nel corso di una settimana vede incrociare linguaggi e modalità espressive che, pur se riconducibili alla musica, permettono di spaziare tra teatro, letteratura, cinema, fotografia, memorabilia e itinerari enogastronomici. Con venti edizioni alle spalle, Pordenone Blues Festival è ormai diventato parte integrante dell’offerta culturale della nostra città e appuntamento di riferimento per l’intero territorio. Lungo tutto il Festival la musica si accompagnerà, così, a diversi momenti in cui altre espressioni artistiche saranno protagoniste conducendoci ad ammirare luoghi ed angoli della città e della provincia, magari troppe volte tralasciati per altre mete. Per questa bella coniugazione tra le arti desidero ringraziare i molti che hanno operato per realizzare il Festival ed i musicisti e gli artisti che lo animeranno,  ma anche di salutare fin d’ora il pubblico, augurando che la musica e l’arte, senza trascurare la cucina, portino, ancora una volta, oltre le proprie frontiere.

Confermata la partecipazione di Meena Cryle & the Chris Fillmore Band (A)

MEENA CRYLE & THE CHRIS FILLMORE BAND (A) Unica data in Italia DOMENICA 26 AGOSTO

Quando Meena Cryle canta “My mother told me every day I should be strong” all’apertura dei suoi concerti, è evidente che ha preso seriamente le parole del brano… Dice: “quando qualcosa nella mia vita mi commuove ed ispira, mi siedo con la mia chitarra e cerco subito di trasformarla in una canzone”…

Tutte queste emozioni vengono trasferite in musica in un modo straordinariamente maturo, sia sul palco che sull’ultimo disco  “Feel me” appena pubblicato per la prestigiosa label Ruf Records. Il mondo artistico di Meena è molto ampio ed eclettico, ma sempre molto radicato nel blues: ciò risulta evidente nel suo songwriting, un elemento indispensabile della sua identità musicale.

Gran parte del suo repertorio è composto da Meena e dal suo congeniale partner, Chris Fillmore: chitarrista sopraffino che gioca un ruolo fondamentale, non solo come membro della band, ma anche come supporto creativo dell’intero progetto.

Cryle/Fillmore: un team raro da trovare nel panorama blues moderno.
 Sono appena rientrati da un favoloso tour negli USA, ed arrivano a Pordenone nella prima data italiana in esclusiva della loro carriera.

www.meenacryle.com

Incredibile the Blues Band domenica 26 agosto

PARCO DI SAN VALENTINO – Via San valentino

GRANDE CHIUSURA DEL
XXI PORDENONE BLUES FESTIVAL

ingresso gratuito

APERTURA CANCELLI ORE 17.30 – INIZIO CONCERTI ORE 18.00

in caso di mal tempo il festival si terrà presso il Deposito Giordani, via Prasecco,13 (Pn)

IN ATTESA DELLE CONFERME DELLE ALTRE BAND PARTECIPANTI VI COMUNICHIAMO CHE AL PORDENONE BLUES FESTIVAL CI SARANNO I MITICI

THE BLUES BAND (UK) – UNICA DATA IN EUROPA

THE BLUES BAND

Nel 1979, quando The Blues Band si formò ufficialmente, alcuni componenti erano già oggetto di ammirazione da generazioni di fan del blues. Dopo 3 decadi e 18 album continuano ad aumentare le schiere di ammiratori e non è raro trovare ai loro concerti 3 generazioni della stessa famiglia… La band oggi è riconosciuta in tutta Europa come uno tra i migliori “fornitori” di R&B. Hanno ispirato numerosissime altre band, ma sono sempre lì, fortissimi, costantemente in crescita, in un mondo parallelo rispetto a quello del business discografico ufficiale. Come dice il bassista Gary Fletcher… “L’industria musicale non ci ha mai disturbato, e noi non abbiamo mai disturbato l’industria musicale”… L’indipendenza risale ai primi periodi, quando la band, con una mossa a sorpresa per quei tempi, pubblicò il primo album pirata, dopo una diatriba con la major che avrebbe dovuto rispettare il contratto discografico… e da lì continuarono… Un band leggendaria, guidata dal cantante-armonicista Paul Jones, già voce dei Manfred Mann (dopo aver declinato l’invito di Brian Jones ad unirsi agli Stones nel 1962…), conduttore radiofonico della BBC con un fortunato programma sul blues che va in onda da anni con successo, attore di Broadway. Nella sua carriera ha cantato con Ten Years After, Al Kooper, Carlos Santana – e nella prima line-up degli Steppenwolf. Ha suonato l’armonica con Memphis Slim, Alexis Korner, Henry Gray, Alvin “Youngblood” Hart, Susan Tedeschi, Eric Bibb, Otis Grand – per non menzionare Tina Turner e la Royal Ballet Sinfonia…Il chitarrista Dave Kelly è l’altra colonna della band: ha suonato con Muddy Waters, Howlin’ Wolf, John Lee Hooker, diventando uno dei più richiesti chitarristi per le tournée europee di questi leggendari musicisti. Completano l’organico altri mostri sacri della scena British Blues: il batterista Rob Townsend, il bassista Gary Fletcher e il chitarrista Tom Mc Guinness (già membro dei Roosters, insieme ad un giovane Eric Clapton nel 1964).Eccoli quindi al PNBF ’12, in esclusiva per l’Italia, i più raffinati interpreti del blues inglese… The Blues Band!

www.thebluesband.com

www.youtube.com/watch?v=O29WvCcp7zY

Foto Maniaci Blues

INCREDIBILE, è avvenuto un altro colpo di scena, è entrato nella famiglia del Pordenone Blues Festival uno dei gruppi di fotografia più cliccati di Facebook, un vero gruppo di “pazzi”: Foto Maniaci. E subito hanno creato un evento, eccolo:

FOTO MANIACI – The Photo Lovers Facebook Group – SHOOTING WITH THE BLUES

Fotomaniaci

Il gruppo Facebook di appassionati di fotografia si scatena – per il Pordenone Blues Festival – nell’ennesima opera collettiva: i 5.000 membri del gruppo, provenienti da tutto il mondo, fotograferanno quello che ‘vedono’ quando ascoltano il Blues e con le loro immagini realizzeranno un suggestivo video collettivo che verrà pubblicato su Youtube e Facebook al suono ovviamente del Blues.

www.facebook.com/groups/mail.fotomaniaci/

Ultimi giorni per iscriversi al “Workshop on the road”

Workshop di fotografiaAncora pochi giorni per iscriversi al Workshop on the road di Fotografia Musicale: chiuderanno infatti il 18 Agosto le iscrizioni al corso organizzato in collaborazione con il Consorzio Universitario di Pordenone.

Il workshop è tenuto da Elisa Moro e introduce al reportage fotografico in ambito musicale e live. Consiste in sei lezioni, tra le quali quattro sul campo in occasione del XXI Pordenone Blues Festival finalizzate alla realizzazione di un report fotografico.

LE ISCRIZIONI SONO APERTE fino al 18 agosto 2012.

Info (calendario completo e generalità del corso) e iscrizioni:
tel. 338-1013034

e-mail: info@pordenonebluesfestival.it

Evento facebook

Pordenone Blues Festival – Vent’anni e non sentirli

L’idea di riuscire ad avere un blues festival qui a Pordenone poteva sembrare utopistica ai tanti addetti al settore che per anni hanno considerato la nostra “terra” non adatta ad un genere di musica più sentita nel vicino Veneto e nelle regioni di centro Italia.

Accettando la grande sfida l’Ass. Cult. Pordenone Giovani, l’Amministrazione Comunale di Pordenone sono partite con la prima edizione nel 1991, lavorando con molta determinazione, riuscendo anno dopo anno a raggiungere dei risultati al di sopra delle loro aspettative. Nel frattempo si sono unite a questo progetto la Regione Friuli Venezia Giulia, la Provincia di Pordenone e la ServiziEventi Machine e tutti assieme grazie alla continuità e alla qualità delle proposte, quasi tutte di livello mondiale e con date uniche in Italia, oggi siamo qua a festeggiare i ventun’anni di età.

Dal 2010 si è pensato di intraprendere una strada totalmente nuova, guardando al blues non solo come genere musicale, bensì come musa ispiratrice delle più diverse forme di espressione artistica.

Il Pordenone Blues Festival è la prima rassegna dedicata a questo tipo di musica in Friuli Venezia Giulia, e anche questo anno oltre alla musica, il blues incontrerà il teatro, l’arte, il cinema, il disegno, la fotografia, la letteratura, la pittura, itinerari “culturenogastronomici”, un modo originale di proporre il blues in sette spettacolari giornate dal 20 al 26 Agosto.

La ciliegina sulla torta è anche la stupenda veste grafica del festival che anche quest’anno nasce grazie al connubio di Giovanni Del Fre, noto grafico pordenonese, con il famoso artista Giulio Iurissevic, illustratore, artista urbano, grafico di Pordenone famoso in tutto il mondo per il suo stile polimorfico e che annovera tra i suoi clienti internazionali Elle, Marie Claire, Vogue, The Source, Burlington, Gap, Pepsi ed è considerato da Luerzer Archive uno dei 200 migliori illustratori degli ultimi quattro anni a livello mondiale.

Oltre 200 tra artisti e addetti ai lavori parteciperanno tutti uniti per creare un evento memorabile con il blues come elemento di riferimento.

Blues Festival

Una foto dall’edizione 2011

La musica avrà comunque un ruolo dominante con concerti che si terranno in giro per la città tutta la settimana. Come stiamo facendo ormai da anni oltre agli artisti americani daremo molto spazio a quelli facenti parte dell’Europa, ormai divenuta una vera fucina di strepitosi artisti.

In tutta la settimana saranno oltre 130 le attività commerciali che a loro modo interpreteranno il blues allestendo le vetrine ad hoc per l’occasione e ci sarà inoltre un itinerario enogastronomico dove si potranno degustare, in 15 locali, fra bar, osterie, ristoranti della città, ottimi piatti e gustosi stuzzichini accompagnati dai vini ufficiali del festival ascoltando dell’ottima musica blues.

Anche quest’anno, grazie alla collaborazione con il consorzio “Pordenone turismo”  e con Turismo FVG, ci sarà la possibilità di apprezzare le bellezze della nostra provincia e degustare prodotti tipici locali grazie agli itinerari culturalgastronomicomusicali.

Inoltre tutti i visitatori che nella settimana del festival si fermeranno a dormire in uno degli alberghi consorziati potranno godere di prezzi agevolati sui pernottamenti e sconti del 30% sui gadgets del festival (info: 0434-549427 – info@pordenoneturismo.it).

Vogliamo ricordare i numeri della scorsa edizione che sono stati molto interessanti in una settimana di festival:

sono intervenute oltre 11.000 persone, di cui molti provenienti da Croazia, Slovenia e Austria, oltre cha da molte regioni di Italia, 204 le camere d’albergo prenotate per l’occasione, ben 126 le recensioni sui quotidiani e riviste specializzate italiane ed estere e su siti internet, diverse le citazioni in programmi televisivi e in decine di programmi radiofonici con oltre 20 le interviste fatte nelle ultime due settimane prima del festival. Innumerevoli anche i siti che ne hanno parlato con oltre 2000 e-mail di richiesta di informazioni e oltre 600 quelle arrivate per ringraziarci per la bella iniziativa.

Vi sono grandi aspettative per quest’anno dove il programma è stato notevolmente migliorato aumentando il numero degli eventi e delle offerte alternative.

Il XXI Pordenone Blues Festival è una rassegna storica con focus ben preciso che intende proporsi in maniera innovativa e originale, guardando sì alla tradizione della musica che rappresenta ma con l’occhio del presente.

L’idea di riuscire ad avere un blues festival qui a Pordenone ore non è più un utopia ma una vera realtà.