Edizione 2002

Edizione 2002 - Pordenone Blues Festival

Sabato 31 Agosto 2002

PARCO S. VALENTINO Via Colonna, Pordenone

apertura cancelli ore 18:00 – inizio concerti ore 19:00

Ingresso gratuito

John Mooney (USA)

John Mooney è cresciuto con la musica dei grandi bluesmen di inizio e metà del XX secolo. Ha incominciato a suonare la chitarra a 10 anni, a 12 anni si esibiva con gli amici durante le feste in chiesa o nelle coffee houses, mentre a 14 faceva già dei grandi concerti all’aperto. Lo sviluppo musicale di Mooney è stato influenzato dall’incontro a Rochester (New York) con un leggendario cantante Blues dei Delta, Ed “Son” House. L’influenza di Son nella musica di Mooney si percepisce facilmente nelle sue composizioni originali di tradizione blues del Delta. Infatti il modo in cui Mooney adatta la musica acustica a quella elettrica moderna è il suo segno distintivo. Nel suonare il blues tradizionale Mooney ha uno stile unico. Incarna un entusiasmo dall’energia selvaggia ma anche di grande sensibilità per questa musica. Molti cercano di suonare il blues nella migliore tradizione nera ma l’intensità e la ferocia di Mooney sono ineguagliabili. Un artista energico e nello stesso tempo un cantante ispirato dai toni caldi e penetranti. Sul palco è esuberante, dinamico, quasi frenetico. Fuori dal palco è disponibile, gentile, quasi timido. John Mooney è stato invitato a molti festival di musica folk e jazz di tutto il mondo oltre alla sua presenza annua al New Orleans’ legendary Jazz and Heritage Festival.

Papa George Band (UK)

Da 26 anni sui palchi è il chitarrista e cantante blues attualmente più importante di Londra. Espressivo e di rara potenza in elettrico diventa rispettoso della tradizione quando suona la “National Guitar” in acustico tenendo concerti in ogni parte del mondo. In questa che sarà l’unica data italiana lo accompagneranno Gigi Todesca al basso e Vincenzo Barattin alla batteria.

Rudy Rotta Band (Italia)

Rudy Rotta è il diabolico chitarrista italiano ormai celebre nell’intero circuito blues mondiale. Il suo stile aggressivo e disciplinato al tempo stesso, abbinato alla strepitosa velocità sulla sei corde e alla voce graffiante, gli permettono ben presto di raccogliere grandi soddisfazioni e riconoscimento anche all’estero. È invitato a collaborare con i più grandi nomi del circuito mondiale, tra i quali B.B.King, John Mayall, Allman Brothers, Etta James e Carey Bell solo per citarne alcuni, esibendosi nei più prestigiosi festival e club del pianeta dall’House of Blues di New Orleans al Montreaux Jazz Festival. Contemporaneamente alla promozione dell’ultimo originalissimo album “Beatles in Blues”, Rudy e compagni sono reduci del grande successo del tour estivo con il leggendario Hammondista Brian Auger. La Band è composta da: Rudy Rotta alla chitarra e voce, Michele Papadia al piano, Silvio Galasso al basso e Carmine Bloisi alla batteria.

 

X