Edizione 2013

Fotografie

Un successo di squadra

L’idea di riuscire ad organizzare un festival blues a Pordenone poteva sembrare utopistica ai tanti addetti ai lavori che, per anni, hanno considerato il Friuli Venezia Giulia un’area potenzialmente poco interessata ad un genere di musica più sentita nel vicino Veneto e nelle regioni di centro Italia.

Il grande lavoro di tanti appassionati e i risultati raggiunti in 21 edizioni  hanno invece sottolineato il contrario: il Pordenone blues festival è una splendida realtà che oggi coinvolge migliaia di persone, catturate da una musica senza età capace di creare atmosfere uniche.

Dal 1991 in poi, data della prima edizione del festival, accanto all’associazione culturale “Pordenone Giovani” e all’Amministrazione comunale di Pordenone si sono unite, nel sostenere e promuovere l’evento, la Regione Friuli Venezia Giulia, la Provincia di Pordenone e la ServiziEventi Machine. Un’ottima squadra, con le idee chiare, che grazie alla continuità e alla qualità dei concerti proposti, quasi tutti di livello mondiale e spesso con date uniche in Italia, ha saputo ritagliarsi, di anno in anno, il consenso di pubblico e critica. Un successo che ha varcato le soglie dei confini nazionali, facendo conoscere il festival in buona parte dell’Europa e, perfino, negli Stati Uniti, la patria del blues.

Dal 2010, la manifestazione non è più fatta “soltanto” di ottima musica live: abbiamo iniziato a guardare al blues come a una “musa ispiratrice” delle più diverse forme di espressione artistica, come a un vero e proprio “stile di vita”. Il Pordenone Blues Festival ha così aperto le porte a teatro, arte, cinema, disegno, fotografia, libri ed enogastronomia! Un modo innovativo e originale di proporre il blues che, quest’anno regalerà sette indimenticabili giornate ricche di eventi ed emozioni.

E i numeri lo confermano: sono intervenute oltre 13.000 persone, di cui molte provenienti da Croazia, Slovenia e Austria (ma anche da Serbia, Svizzera, Spagna, Ungheria e Germania), nonché da altre regioni di Italia (Veneto, Lombardia, Piemonte, Toscana, Emilia Romagna e addirittura Puglia); molte le camere d’albergo prenotate in città e provincia per l’occasione; un centinaio le recensioni sui quotidiani e riviste specializzate italiane ed estere e su siti internet, diverse le citazioni in programmi televisivi e radiofonici tra le quali anche quella della BBC nel programma di blues condotto da Paul Jones.

Su questa strada e puntando sempre su qualità e originalità, intendiamo proseguire il viaggio nel magico mondo del blues assieme agli enti pubblici, agli sponsor privati e ai tanti amici che in questi anni non ci hanno mai fatto mancare il loro prezioso supporto. L’elenco pubblicato tra i ringraziamenti rappresenta per noi motivo d’orgoglio, è la consapevolezza di avere una grande responsabilità ma allo stesso tempo uno stimolo per promuovere, sempre di più e sempre meglio, Pordenone, la sua provincia, il Friuli Venezia Giulia, un territorio straordinario dove il blues è ormai di casa.

X